Caffè Arabica e Robusta

Le Miscele di Caffè

Il caffè nasce dai semi, torrefatti e macinati, di alberi tropicali appartenenti alla famiglia delle rubiaceae, la quale conta migliaia di specie diverse.

L'eccezionale offerta è però solo virtuale, dal momento che le qualità prescelte dal mercato sono assai meno e tra tutte ne spiccano due: l'arabica e la robusta.


Il caffè arabica è nato in Etiopia, per poi diffondersi in tutto il mondo con enorme successo. Parliamo, infatti, della miscela più nota nel nostro paese, amata in virtù della sua delicatezza e dolcezza.

Tendenzialmente la percentuale di caffeina contenuta nella coffea arabica è inferiore al 1,7%, minore di quella della miscela robusta.

Il caffè arabica è quindi più delicato e sortisce un minor effetto eccitante rispetto a quello dei semi estratti dalla robusta.

La miscela robusta è decisamente più forte dell'arabica, contenendo una maggiore percentuale di caffeina, ed è anche più amara della precedente varietà.

Il suo gusto speziato e forte rende il caffè estratto dalla robusta particolarmente amato da alcuni estimatori della bevanda energizzante.

Queste sono le due varietà più diffuse, che spesso vengono miscelate dalle aziende di torrefazione al fine di creare gusti sempre nuovi e stimolanti, magari impiegando anche le miscele più preziose e ricercate, come ad esempio il blue montain prodotto in Giamaica.